fbpx
Top
  >  Rubriche   >  Famiglie in viaggio   >  Famiglie in viaggio: intervista a Giulia Contini di Land Of Emotion
viaggiare con bambini

Ho conosciuto Giulia online, perché entrambe abbiamo partecipato alla Instagram Digital School di Miprendoemiportovia e ho avuto quindi la fortuna di entrare in contatto con una persona non solo appassionata, ma soprattutto molto competente in viaggi che sono davvero speciali, cioè quelli nel continente africano. Chi mi conosce sa che uno dei miei primi amori è l’Africa, che tuttavia non ho ancora visitato a fondo come vorrei. Ma diamo tempo al tempo!

Oggi però vorrei presentarvi Giulia in una veste inedita e non in quella di consulente di viaggi (la sua attività la potete vedere qui…attenzione però! Vi verrà subito voglia di prendere un volo per un paese lontano!). Oggi vi presento la Giulia mamma e soprattutto mamma-viaggiatrice: chiacchiereremo un po’ con lei di come vive il viaggio in famiglia una persona che con i viaggi ci lavora.

Spostiamoci allora a Varese per conoscere meglio Giulia, Stefano, Marco e Susanna e parlare un po’ di come viaggiare con i bambini!


Iniziamo con le presentazioni: raccontaci chi sei e di cosa ti occupi!

Ciao, sono Giulia e da sempre mi occupo di viaggi. Mi ritengo fortunata per la famiglia che ho: siamo io e mio marito Stefano con i nostri due bimbi, Marco e Susanna che hanno appena compiuto rispettivamente 6 e 4 anni. 

Da piccola ricordo che a mia mamma dicevo che da grande avrei lavorato in aeroporto e poi alle 17.30 di sera sarei sempre tornata a casa dai miei bimbi. Non è andata proprio così, ma ci sono andata molto vicino. 

Ho iniziato accompagnando viaggi di gruppo e lavorando nel mondo degli eventi aziendali (un mondo che rappresenta ancora una parte molto importante del mio lavoro quotidiano). Poi ho voluto creare il mio brand e negli ultimi 6 anni ho sempre cercato di conciliare il mio lavoro con la gestione della mia famiglia. È un aspetto a cui tengo molto. È sempre difficile riuscirci ma mi ritengo molto fortunata a svolgere un lavoro che adoro e in cui la mia famiglia può essere coinvolta.

Come si rapporta la tua famiglia al viaggio e come ti rapporti tu rispetto al viaggiare con la famiglia?

Fin dai primi mesi di Marco abbiamo iniziato a viaggiare. Per questo devo ringraziare mio marito che, fin da subito, mi ha spinta ad affrontare le prime uscite con i bimbi benché a volte, soprattutto all’inizio, era più una faticaccia che altro. Ma ora ne sono molto felice perché viaggiare con i bambini è diventata per noi una cosa normale.

Com’è cambiato il vostro modo di viaggiare con il primo figlio? E con la seconda?

Ci siamo adattati ai ritmi di nostro figlio, consapevoli che un nuovo tempo per noi era iniziato…un tempo fatto di ritmi più lenti e dove l’imprevisto era sempre dietro l’angolo

Con l’arrivo di Susanna non abbiamo fatto altro che proseguire su questa strada.

Qual è stato il primo viaggio fatto con i bambini?

Il primo viaggio è stato sulle Dolomiti, le nostre amate montagne. Marco aveva 3 mesi e durante il viaggio verso Corvara ho fatto fermare mio marito circa 1000 volte per paura che potesse avere problemi alle orecchie a causa dell’altitudine. 😊 

Con Susanna appena nata abbiamo fatto lo stesso viaggio…ma il viaggio in auto è durato decisamente meno!!! 😊

Credi che ci siano delle mete più “family friendly” di altre?

Ci sono dei paesi che offrono maggiori servizi per le famiglie e con maggiore attenzione alle esigenze dei bambini.  Sono fiera di dire che noi, in Italia, siamo una delle nazioni più avanti in tal senso.

Quali sono i tuoi consigli per viaggiare serenamente in famiglia?

L’hai detto tu stessa…la serenità è l’elemento più importante in un viaggio con i bambini. Non dobbiamo avere troppe aspettative e dobbiamo imparare a guardare tutto con gli occhi di un bambino

Hai delle modalità particolari per preparare i tuoi bambini al viaggio?

Nulla in particolare…li coinvolgiamo sempre fin dal momento della scelta della destinazione, semplicemente spiegando tutto ciò che comporta un viaggio in quella destinazione.

Come scegliete i vostri viaggi? Ci sono località che prediligi per i viaggi di famiglia?

Per ora non abbiamo ancora fatto viaggi a lungo raggio, ma pensiamo di iniziare non appena si potrà. Abbiamo fatto vacanze in montagna, soprattutto, ma anche al mare e in città, ad esempio a Lisbona. Con un po’ di buona organizzazione e tanta serenità penso che quasi tutti i viaggi si possano adattare alle esigenze dei bambini. 

Quali sono i viaggi ideali della tua famiglia?

Per me è quello che mi regala il contatto con la natura. Per Stefano tutti, soprattutto se in montagna

I bimbi sono rimasti affascinati dalle spiagge della Sicilia, dall’entroterra della Sardegna e dalle camminate sulle Dolomiti

Parliamo di libri e fiabe: quali sono i vostri preferiti?

I bambini al momento non hanno preferenze…ma sono mesi che alla sera mi chiedono di leggere “Favole al telefono” di Gianni Rodari

E i vostri film o cartoni preferiti quali sono?

Io adoro guardare documentari sugli animali e in questo mio figlio Marco mi da grandi soddisfazioni 😊 Poi io personalmente adoro i classici di una volta come “La carica dei 101”!

Susanna è ancora piccolina…non sta tanto di fronte alla tv. Però se le fai vedere i video delle canzoni per bambini dove si balla è super felice! Ultimamente “Un Cocomero tondo tondo” va per la maggiore!   Mentre i cartoni che guardiamo tutti insieme molto volentieri sono i Dinotrux…non so se li conosci!!!??

Quello di papà Stefano è sicuramente “Oceania” (piange ogni volta!!!).

Avete un “viaggio nel cassetto” che non avete ancora realizzato?

Assolutamente si…in realtà tanti. Ma in cima alla lista c’è l’Islanda

Qual è la difficoltà maggiore che incontrate in viaggio e come vi è capitato di gestirla?

Sai che non so rispondere a questa domanda?! Non penso di avere mai riscontrato grandi difficoltà. Questo penso la dica lunga sulla facilità di viaggiare coi bambini. 😊

Cosa non deve mai mancare in valigia per voi?

Ormai è un rito…tutte le volte che partiamo io dico “Ho la sensazione di essermi dimenticata qualcosa di importante”. E mio marito risponde: “Hai il portafogli e i documenti? Sì. Hai il telefono. Sì. I bambini ci sono? Sì. Bom…allora c’è tutto ciò che ci serve”. 😊

A parte gli scherzi, io non dimentico mai qualche cosa per intrattenere i bambini durante i momenti di traffico o attesa al ristorante: pastelli, carte da gioco, libretti da colorare e con attività per i più piccoli.

Qual è stato il viaggio più bello che avete fatto tutti insieme?

I ricordi più intensi dei bambini non sono legati al viaggio di per sé ma ad alcuni momenti: Marco ancora parla delle colazioni fatte in Sardegna, quando papà si svegliava presto per andare a prendere in panetteria la focaccia e le brioches fresche da mangiare tutti insieme in veranda.  

È anche per questo che dico sempre che vale la pena viaggiare con i bambini. Non è importante se sono troppo piccoli per ricordare esattamente ciò che hanno visto…quello che regaliamo loro sono sensazioni ed emozioni intense, che contribuiscono a formare la loro identità e la loro intelligenza emotiva

C’è un posto che hai visitato senza i bambini e nel quale vorreste portarli?

Tutti praticamente…Africa, Giappone… ma anche Hawaii… ci siamo ripromessi di tornare con i bambini. Lì la natura è rigogliosa e sono certa che i nostri bimbi ne rimarrebbero colpiti. 

Qual è il mezzo di trasporto ideale per i vostri viaggi?

Per ora abbiamo viaggiato in auto, in aereo e in nave

Quando viaggiate qual è il vostro alloggio ideale?

Appartamento o hotel. Speriamo di poter provare presto il camper. E nel cassetto c’è anche un viaggio in bicicletta in Olanda. 

Viaggiare in famiglia costa: avete qualche suggerimento pratico da dare per risparmiare o per non spendere troppo quando ci si trova a viaggiare con i bambini?

Direi che il prenotare in anticipo è uno dei primi suggerimenti da dare. 

I vostri bambini come si rapportano al cibo quando siete in viaggio?

Marco assaggia sempre tutto, mentre Susanna è più difficile in questo senso. Ma quando affrontiamo viaggi lunghi non dimentico mai di portare qualche spuntino come frutta fresca o frutta secca, panini semplici o del sano cioccolato fondente.

Fareste mai un viaggio senza i bambini?

In realtà ci è già capitato, nell’ottobre del 2019. È stata un’occasione che ci si è presentata e a cui non potevamo certo rinunciare. I bimbi avevano solo 4 e 2 anni. Siamo stati una settimana a Oahu, alle Hawaii. Ti confesso che la sera prima piangevo. Ma con tanta organizzazione e un po’ di incoscienza, ci siamo lanciati ed è stata un’esperienza meravigliosa. Ci siamo un po’ ritrovati dopo 4 anni dedicati al 99% ai bambini. E questo è importante perché penso che l’affiatamento di mamma e papà per i bambini sia un elemento fondamentale per la loro serenità.   

Ti chiedo ora di lanciare un messaggio ai neo-genitori che non sanno se riusciranno a viaggiare con i bambini piccoli

Il viaggio può avvicinare al benessere della semplicità se si riesce ad accettare l’imprevedibilità di ogni giorno. Buttatevi e provate… i vostri bambini vi stupiranno e scoprirete delle belle cose non solo su di loro, ma anche su voi stessi

Un’ultimissima domanda! Nel tuo lavoro ti capita spesso di organizzare viaggi per famiglie? Quali sono i viaggi più richiesti dalle famiglie?

Trattando principalmente viaggi itineranti e a lungo raggio, non mi capita spesso di ricevere richieste da famiglie con bambini. E mi dispiace perché come sai penso che viaggiare sia una lezione di vita molto più importante di ciò che si impara sui libri. Il paese che rappresenta la mia più grande passione può rappresentare secondo me una fonte inesauribile di meraviglia per i nostri figli. Pensa cosa potrebbero provare ad esempio le tue bambine nel vedere come vivono realmente tutti quei grandi animali che hanno sempre visto allo zoo o in televisione!

Il safari con i bambini, anche se sembra una cosa impossibile da fare coi bambini, è invece assolutamente fattibile!


Grazie mille a Giulia per averci raccontato la sua esperienza di mamma, amante dei viaggi, alla scoperta del mondo con i suoi bambini!

Questa settimana Giulia ci terrà di nuovo compagnia con un articolo davvero WOW che non vedo l’ora di farvi scoprire (se vi piacciono gli spoiler: rileggete l’ultima domanda!!).

Se vuoi scoprire meglio che cosa fa Giulia con Land of Emotion, questi sono i suoi canali:

www.landofemotion.it

Instagram

Facebook

Ti piace scoprire altre famiglie di viaggiatori? Qui trovi la prima intervista che abbiamo fatto ad una giovane famiglia di Vicenza, sono anche travel blogger!

Dal 2019 scrivo, fotografo e racconto le nostre avventure di famiglia su Dammilamano. Amo la montagna, i borghi marinari e le musiche di Yann Tiersen. Acquisto più libri di quanti riesca a leggerne, non vivo senza the caldo, sono intollerante al glutine, al lattosio e agli errori grammaticali.

dammilamanoblog@gmail.com

post a comment